Area ex Romagnoli, Il Consiglio di Stato dà ragione alla Regione

"Principi di buona amministrazione e correttezza politica" alla base dell'operato della Regione
"Principi di buona amministrazione e correttezza politica" alla base dell'operato della Regione

Il Consiglio di Stato, con propria Ordinanza, ha riconfermato la decisione, già assunta in sede di sospensiva, circa il buon operato della Regione Molise per quanto riguarda i "principi di buona amministrazione e correttezza politica" che hanno sotteso l'assunzione degli atti necessari alla realizzazione della Sede regionale nell'area dell'ex stadio Romagnoli di Campobasso.

Il Consiglio di Stato ha "ribaltato" la precedente sentenza del Tar Molise sull'argomento che, nel merito, aveva censurato l'operato della Regione Molise per quanto riguardava la scelta dell'area e le  conseguenti procedure necessarie alla realizzazione della sede dell'Ente.

"Quest' ultimo provvedimento del Consiglio di Stato - ha commentato il Presidente della Regione Michele Iorio - conferma un orientamento dello stesso Organo, già espresso con una precedente ordinanza, e sancisce, con estrema chiarezza, che l'operato del nostro Governo è perfettamente in linea con i principi della buona amministrazione e con una conseguente coerenza programmatica e progettuale.
 
Eravamo certi delle nostre ragioni. Ragioni che il Consiglio di Stato ha fatto proprie. Abbiamo sicuramente perso del tempo prezioso per la realizzazione di un'opera strategica per la nostra Regione. Ad ogni modo, accelereremo le procedure per arrivare, nel più breve tempo possibile, alla concretizzazione di un'opera di rilevanza primaria, sia la città di Campobasso, che dell'intero Molise".

 

condividi

Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO