"La mia scuola per la pace", insieme per costruire una nuova cultura

Il  manifesto scelto per la "Assisi-Perugia 2011"
Il manifesto scelto per la "Assisi-Perugia 2011"

Sono otto le Scuole secondarie di Secondo grado del Molise che hanno aderito al Progetto "La mia scuola per la pace 2010/2011", predisposto dal Coordinamento degli Enti locali per la pace, e che la Regione Molise, attraverso il Servizio Rapporti con gli Enti locali, Beni culturali e Archivi storici della  regione, sta promuovendo sul territorio regionale.

Il Programma contiene alcune proposte che possono consentire di arricchire l'offerta formativa delle scuole e di partecipare ad un grande progetto educativo nazionale centrato sulla riscoperta dei grandi valori costituzionali.

«Per affrontare la grave crisi culturale che stiamo vivendo - dice l'Assessore regionale agli Enti locali, Salvatore Muccilli - abbiamo bisogno di fare un grande investimento educativo e rimettere al centro della nostra vita, della società come della politica, i valori che sono stati scolpiti nella nostra Costituzione. Sono i valori della nonviolenza, della giustizia, della libertà, della pace, dei diritti umani, della responsabilità e della speranza. Valori oggi messi da parte, che vanno riscoperti, rigenerati e utilizzati per affrontare insieme le grandi sfide del nostro tempo».

L'iniziativa è tesa a  promuovere un nuovo progetto educativo centrato sui grandi valori costituzionali e sul protagonismo dei giovani. Scuole e territorio, enti locali, associazioni e gruppi di volontariato, giornalisti e mezzi di comunicazione debbono operare insieme per organizzare la formazione di cittadini attivi, critici e consapevoli.

Le scuole possono diventare sede dell'incontro di tutti coloro che vogliono impegnarsi per costruire, a cominciare dal proprio territorio, una nuova cultura.

L'obiettivo finale è quello di pervenire alla costituzione di un "tavolo progettuale" in ogni territorio che abbia un alto valore simbolico e comunicativo e possa contribuire a generare nuove importanti sinergie ed iniziative.

 

condividi

Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO