San Giovanni Rotondo, San Pio chiama i cori del Molise

Palazzo della Regione, Sala Conferenze. La conferenza stampa di presentazione
Palazzo della Regione, Sala Conferenze. La conferenza stampa di presentazione

Duecentosettantanove elementi provenienti da quattordici Comuni molisani saranno a San Giovanni Rotondo il 28 di questo mese dove, a partire dalla ore 11,  nella Chiesa nuova di San Pio da Pietrelcina, animeranno la Santa Messa. Eseguiranno musiche del repertorio sacro di Miserachs, Frank, Zardini, Impagliatelli e Frisina e saranno diretti da Sabina Mascia.

Sono i numeri principali di "San Pio chiama i cori del Molise", evento realizzato dall'Associazione Molise Incanto, in collaborazione con l'Ufficio di musica sacra dell'Arcidiocesi di Campobasso, con il Convento dei Frati minori Cappuccini e il Comune di San Giovanni Rotondo, e con il Patrocino di Regione Molise, Province di Campobasso ed Isernia e dei Comini di provenienza dei coristi.
La cerimonia religiosa sarà trasmessa in diretta televisiva sui canali di "Padre PIO TV", Telenorba e TRSP.

Questa mattina, presso la Sala conferenze del Palazzo della Regione Molise, la conferenza stampa  di presentazione del "Grande Coro Polifonico di Molise InCanto". Sono intervenuti il Presidente della Regione, Michele Iorio, il Presidente della Provincia di Campobasso, Rosario De Matteis, il Presidente della Provincia di Isernia, Luigi Mazzuto, insieme al Direttore dell'Ufficio di musica sacra della Arcidiocesi di Campobasso-Bojano, Don Giuseppe Graziano, oltre ovviamente, al Presidente dell'Associazione "Molise InCANTO", Tiziana Martinelli, e al Direttore artistico del "Grande Coro", Sabina Mascia.


«Questo è il Molise che ci piace vedere e sostenere», ha detto il Presidente Iorio. «Una terra - ha proseguito -  di antichi valori capace di creare cultura, solidarietà e occasioni di socializzazione e condivisione. Quest'evento rappresenta un esempio valido di un Molise positivo, che vuole crescere anche attraverso le sue risorse artistiche e vuol farsi conoscere ad un pubblico sempre più ampio».
Iorio ha anche sottolineato la corale collaborazione di diverse Istituzioni che «hanno saputo concertare la loro azione per sostenere questa iniziativa e le sue finalità culturali, sociali e religiose».

 
 

condividi

Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO