Neoplasie della prostata

 

Nell'ultimo decennio è divenuto il tumore più frequente nella popolazione maschile dei paesi occidentali verosimilmente per una maggiore potenzialità di diagnosi (dosaggio PSA, ecografie, biopsie eco guidate RMN ecc.) oltre ad un progressivo invecchiamento della popolazione come accade in Italia. Le cause di questa neoplasia non sono note. Possibili concause possono essere una certa familiarità, predisposizione genetica, influenza degli ormoni sessuali maschili, influenza dell'alimentazione (i grassi di origine animale sembra che abbiano un ruolo di accelerazione mentre a base di prodotti vegetali ricchi di vitamine e antiossidanti sembrano ridurre il rischio).

Per i tumori prostatici, che rappresentano i primi tumori nel genere maschile, si osservano tassi in linea con la media del Sud Italia e decisamente inferiori al dato medio nazionale. Fa eccezione il distretto di Campobasso, come mostrato sia dall'istogramma per distretto sanitario, sia dalla mappa del rischio per comune, nel quale si osservano tassi sovrapponibili al dato nazionale.

 

Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO